Etichette

mercoledì 9 dicembre 2009

Rolex Oyster caseback











La Maison Rolex, come già molte volte abbiamo avuto modo di sottolineare, da sempre ha appuntato la sua massima attenzione sulle innovazioni tecniche atte a rendere l’orologio da polso fruibile in ogni condizione anche, e soprattutto, in quelle critiche di massima sollecitazione e rischio per l’orologio medesimo.

Senza ulteriori digressioni tanto sulla storia quanto sugli sviluppi che accompagnarono questa strepitosa innovazione vorremmo, questa volta, soffermarci esclusivamente su di un particolare ben preciso della cassa “Oyster” ovvero sul suo “FONDELLO”.
Questa parte dell’orologio risultava, da sempre, estremamente delicata e fallosa circa il buon funzionamento nel tempo di qualunque segnatempo in quanto , e per l’appunto, estremamente sensibile poiché permeabile ad infiltrazioni d’ogni genere e tipo.
Così la mente illuminata di Mr. Wildsorf progettò e realizzò il fondello “a vite” prendendo, sembra, spunto da un certo tipo di valvole idrauliche all’epoca in uso sui primi sottomarini.
In tal modo la macchina e , tout court, l’interno dell’orologio risultarono impermeabili a tutti gli agenti
esterni.




Nel 1926 Rolex produce per la prima volta una cassa impermeabile con fondello e corona a vite, la chiamera'Rolex Oyster case.

Un idea semplice e geniale , praticamente inalterata tutt'oggi
I fondelli rivestono un'importante ruolo nella storia Rolex, spesso sono determinanti per stabilire coevita', valutazione e particolarita'.






Agli albori della produzione il fondello recava
i numeri di serie e di referenza punzonati all'esterno; cosa che con il tempo e l'usura poteva portare alla cancellazione.
All'interno invece veniva punzonato il logo del fabbricante e se in metallo prezioso , gli specifici punzoni.
Successivamente venne trasferito la referenza dell'orologio all'interno del fondello e la matricola in mezzo alle anse sulla cassa.
Nel corso degli anni si sono alternati diversi stili di punzonatura,con il Giglio , ad arco ecc spesso troviamo la referenza non punzonata ma incisa.
















Possiamo trovare anche discordanze tra la referenza dell'orologio e
quella della cassa, tutte cose che se analizate con il metro dell'esperienza possono rivelare se pensate cosi' da Rolex o se adattate successivamente da chicchesia.
Incisioni particolari, sia esterne che interne, distinguono , identificano ed a volte fanno anche la differenza , dal punto di vista collezionistico, molti orologi sono completati solo se il fondello ha le caratteristiche identificative del modello in esame.
Mi spiego meglio , un sea dweller della prima serie
denominato Patent pending propio grazie all'incisione della suddetta frase sul fondello, un militare 5513/17 deve avere un assegnazione incisa, un Comex idem.
Per particolari modelli magari con un determinato seriale il numero di matricola , o parte di esso,doveva essere riportato
internamente.
Dagli anni 50 fino all'inizio degli anni 70, in molti esemplari era punzonata la data di fabbricazione.
Tutti elementi che possano aiutarci ad identificare
capire e stabilire , criteri costruttivi e di originalita'
del nostro Rolex
I fondelli che potete vedere ricoprano la storia e l'evoluzione di Rolex , fatta spesso di contraddizioni.
Porto ad esempio i fondelli destinati ai Cosmograph, per anni i collezionisti volevano l'orologio con la stessa referenza del fondello, attribuendo alla non corrispondenza una ipotetica sostituzione.
Cosa che si e' rivelata infondata, Rolex montava indistintamente sui cosmograph tutti i fondelli
, i primi 6239 avevano i fondelli 6238, successivamente li possiamo trovare con fondelli 6241, 6242 referenza tra l'altro mai prodotta, i 6263
con fondelli6262,63,65 ecc.
Questo accadeva sopratutto con gli orologi che cambiavano referenza in funzione della ghiera o del movimento, mentre su orologi con una sola variante questo generalmente non succedeva.Questo ovviamente va stabilito solo dopo averne visti centinaia di esemplari cosi' da stabilire una casistica e valutare anche le eccezioni.Eccezione che possiamo trovare nei primi 1680 che potevano montare il fondello 5513, lo stesso con i 5513 o 12 , fino a storia recente degli ultimi 5513 magari con numero di seriale iniziante con la lettera L che montavano un fondello con punzonatura moderna del logo Rolex e la referenza 5512 uscita di produzione piu' di 10 anni prima.
Queste esempi ci devono far riconsiderare la nostra passione con un ottica non mistica , religiosa,
il nostro interesse e' rivolto ad un marchio, ad un'azienda che ha una logica di impresa e di magazino che spesso non corrisponde a nessun tipo
di ragionamento se non quello di economia aziendale.
Questo ovviamente non avvalora tutte le casistiche
che solo con la reale e non virtuale , esperienza
possiamo in qualche modo stabilire.



Ho raccolto senza alcun ordine molte fotografie di fondelli
che per velocizare la visualizazione ho diviso in due parti.
Buona visione e BUONE FESTE a Tutti.
Stefano





































































Altre foto al seguente link:

http://stefanomazzariol.blogspot.com/2009/12/rolex-oyster-caseback-1.html

Stefano Mazzariol

Nessun commento:

Posta un commento

Stefano Mazzariol

Cerca nel blog

Informazioni personali

La mia foto
Livorno, Tel. +393356681944, Italy
www.vintagewatches.it email : info@stefanomazzariol.it By appointment only: Largo Emanuele Filiberto di Savoia n.°7 Livorno tel.+39 0586 211453

Lettori fissi

Post più popolari

ShinyStat